Le Maestre Pie Venerini – coraggioso drappello di donne al servizio dell’educazione delle bambine

Le Maestre Pie sorsero alle fine del Seicento su iniziativa di Rosa Venerini nello Stato Pontificio a Viterbo. Infatti, nel 1685 la Venerini aprì la sua scuola e pian piano associò alla sua opera anche altre donne. Ebbe un tale successo che, qualche anno dopo, fu chiamata dal Cardinal Marcantonio Barbarigo per aprire delle scuole anche nella diocesi di Montefiascone. Leggi tutto “Le Maestre Pie Venerini – coraggioso drappello di donne al servizio dell’educazione delle bambine”

Perché aprire una scuola a Roma?

a cura di Massimiliano Ciavarella

San Giovanni Battista de La Salle aveva fondato il suo Istituto agli inizi degli anni ’80 del Seicento. Vent’anni dopo la nascita di quella che all’epoca si chiamava Società delle Scuole Cristiane, il Fondatore decise di inviare nell’Urbe i Fratelli Gabriel e Gérard Drolin (i quali, probabilmente, oltre ad essere confratelli, erano anche “fratelli di sangue”).

La Salle non era mai uscito dai confini del regno di Francia, non aveva a disposizione dei Fratelli che parlassero la lingua italiana e nessuno l’aveva mai invitato a fondare una sua opera educativa nella città eterna.

Perché allora il Fondatore inviò a Roma un suo stretto e fedele collaboratore  con lo scopo di aprire una scuola nel cuore della cristianità? Perché scelse di dare la priorità a Roma ancor prima di creare altre nuove case? Leggi tutto “Perché aprire una scuola a Roma?”

Pedagogia Lasalliana 2: Ricompense e punizioni

A furia di sentir parlare a oltranza degli abusi sui minori (che ovviamente sono scandalosi), molti contemporanei ignorano oggi il contributo positivo enorme di molti ecclesiastici e religiose per lo sviluppo della scuola e di altri progetti educativi. Dobbiamo farci una visione equilibrata della realtà grazie allo studio approfondito delle fonti che ora sono accessibili più facilmente che mai.

Clicca qui per sapere che ruolo avevano correzioni e ricompense dai Fratelli delle Scuole Cristiane.

Jean-Henri Marlet: Les Frères conduisant les enfants à St-Nicolas-des-Champs (circa 1822). Sotto gli occhi dei curiosi, i Fratelli delle Scuole Cristiane conducono i loro studenti alla chiesa parrocchiale per la messa quotidiana. Il buon comportamento del gruppo dimostra le loro capacità disciplinari, dovute anche a un equilibrio di premi e castighi.

Pedagogia Lasalliana 1: Meriti e ricompense

Lo studente in prima fila porta una medaglia al merito.
(Albert Bettannier, La tache noire, 1887.)

Come si premiavano nel passato i progressi, le prestazioni eccellenti e la buona condotta? Uno sguardo alla storia dei Fratelli delle Scuole Cristiane, fondate da San Giovanni Battista de La Salle, ci fa vedere i metodi allora applicati che possono essere tuttora fonte d’ispirazione. Leggi tutto “Pedagogia Lasalliana 1: Meriti e ricompense”

28 giugno: rosario per le scuole cattoliche a Imola

San Cassiano di Imola è probabilmente l’unico santo insegnante che è stato ucciso dai propri studenti!

Lunedì pomeriggio pregheremo il rosario davanti alle sue reliquie. Lo invocheremo in particolare affinché ci protegga dal flagello del DDL ZAN. Se passa questa legge, torneranno i tempi dove i professori cristiani vengono discriminati, perseguitati e condannati perché non mettono l’incenso ai falsi idoli e ai nuovi dogmi arcobaleno.